Petitchef

Crema di radicchio rosso

Stuzzicherie
4 porzioni
15 min
1 min
facile
Crema al radicchio rosso di Treviso, da spalmare su crostini, o per condire gnocchi, pasta, o per farcire un panino

Ingredienti

Numero di porzioni: 4
Un cespo radicchio rosso tardivo (di Treviso IGP ; circa 250 gr)

3 cucchiaini pinoli

2 noci

4 cucchiai olio evo (circa)

2 cucchiai parmigiano reggiano (o grana padano)

Qualche fogliolina salvia (timo, rosmarino, santoreggia)

Un cucchiaino cipollotto (tritato)

1 cucchiaini portoo (o 2, secondo i gusti e gli usi)



Per aromatizzare l'acqua :

6 grani pepe

6 grani ginepro

1 chiodi di garofano

Una foglia alloro

1 anice stallata

1 cucchiaino bicarbonato

Sale

Preparazione

  • In una pentola abbastanza grande da contenere il cespo di radicchio, far bollire per qualche minuto
    il pepe, il ginepro, il chiodo di garofano, l'alloro, l'anice il bicarbonato e un po' di sale.
  • Quando l'acqua sarà ben profumata, immergervi per pochi secondi (bastano 30'') il radicchio diviso in quattro in senso longitudinale.
  • Scolarlo, raffreddarlo in acqua fredda e asciugarlo bene.
  • In un mixer inserire il radicchio tagliato a pezzetti, insieme a tutti gli altri ingredienti, a parte l'olio.
  • Azionare le lame e aggiungere l'olio a filo, (per la quantità regolarsi in base alla cremosità che si vuole ottenere a seconda degli usi)
  • Quando la crema sarà ben amalgamata e omogenea la nostra ricetta sarà pronta.
  • Ora non resta che gustarla spalmata su crostini di pane caldi, accompagnata magari a dei formaggi, o usarla per condire pasta o gnocchi, o per farci tutto quello che vi suggerisce la fantasia.

    Potete anche provare ad usare un mix di tardivo e precoce, insomma, come vi avevo detto è molto versatile.

Domande:

Perché il radicchio deve essere tardivo e in che periodo lo è? grazie Ester

Rispondere:

Ciao Ester, il radicchio rosso tardivo è quello più pregiato, per il tardivo diciamo che il periodo dipende un pò dalle temperature ma da novembre indicativamente si trova. Per prolungare la raccolta poi ci sono vari sistemi. Il tardivo è quello che ha le foglie lunghe e strette. Come ti ho detto il tardivo è il più pregiato, quindi qualitativamente migliore, ma puoi fare la crema anche con il precoce, che è quello a foglia più larga, verrà comunque buona. Ciao e buon lavoro se deciderai di provare la crema, e se hai bisogno chiedi pure. Simona






Vota questa ricetta:

Ricette simili


Ricette

Articoli correlati

Consigli in cucina: Quali dolci preparare con la crema pasticceraConsigli in cucina: Quali dolci preparare con la crema pasticceraCosa preparare con il radicchio: 12 saporiti primi piattiCosa preparare con il radicchio: 12 saporiti primi piatti

Menù del giorno

Ricevere il menù del giorno:

Domanda del giorno
Preparerete delle ricette speciali per la festa di Halloween?
Vota