Noodles che passione: scopri le nostre migliori ricetteI noodles sono un tipo di pasta, è vero!
È però un errore utilizzarli come sinonimo della pasta tradizionale italiana (attenzione, qualche “pastofilo” incallito potrebbero anche offendersi!).

Le differenze sostanziali tra questi due tipi di pasta sono 2:
  • Le materie prime utilizzate per la produzione
  • I metodi di produzione

I noodles vengono prodotti tramite l’impasto di una farina di qualsiasi tipo e acqua (a volte anche uova) mentre per produrre la “nostra” pasta si utilizza la farina di grano duro che, essendo stata ottenuta dalla prima macinazione del grano, presenta un colore meno raffinato (giallo ambrato) e si presta meglio alla conservazione dei prodotti. La differenza del metodo di produzione dei noodles, invece, consiste nell'assenza di un passaggio fondamentale nella produzione della pasta di grano duro: la trafilatura. I noodles, infatti, vengono tagliati direttamente dalla sfoglia a bassa percentuale di umidità mentre la pasta tradizionale viene prodotta grazie a delle trafile che permettono di ottenere forme eterogenee.

Le vere origini dei Noodles risalgono addirittura a 4.000 anni fa e si pensa che sia stato il popolo cinese per primo a produrre questo tipo di pasta. Successivamente, con l’avvento del commercio, si sono diffusi in tutta l’Asia dove sono diventati una delle pietanze più rappresentative di questa parte del mondo.

A seconda della regione Cinese, i noodles vengono cucinati in diversi modi. In alcuni casi sono serviti in brodo (zuppe di noodles), in altri saltati al wok con vari ingredienti. Per gli accompagnamenti, in effetti, abbiamo l'imbarazzo della scelta: si sposano perfettamente con la carne, il pesce o le verdure.
Da non dimenticare assolutamente sono le salse, dolci o salate, che conferiranno al vostro piatto un tipico gusto d'oriente.

Abbiamo scelto per voi le migliori ricette che abbiamo sul portale. In questo modo potrete portare in tavola un’atmosfera orientale e delle pietanze diverse da quelle che si mangiano tutti i giorni.
Ci auguriamo che le vostre papille gradiscano!