Petitchef

Gelatina di birra

Altro
6 porzioni
5 min
1 ora
facile

Ingredienti

Numero di porzioni: 6
1 litro di birra doppio malto, preferibilmente rossa

300 g zucchero semolato


Per addensare, in alternativa:

1 bustina di Fruttapec 1:1,

oppure

20 g di colla di pesce,

oppure

1 kg di mele verdi da cui ricavare la pectina,

oppure

1,2 g di agar-agar in polvere

Preparazione

  • Trucco: la birra fa molta schiuma a causa dell'elevato contenuto di anidride carbonica e del luppolo, che tra le varie funzioni ha quella di stabilizzare la schiuma. Per evitare che la gelatina trabocchi durante la cottura, è consigliabile versare la birra nella pentola la sera prima di prepararla. Il mattino dopo noteremo che è diminuita di volume, a causa dell'anidride carbonica che ne è fuoriuscita durante la notte e che faciliterà notevolmente la fase di cottura.

    Innanzi tutto la scelta della birra: sono preferibili le birre doppio malto rosse, dal corpo strutturato e dall'amaro moderato, morbide, ad alta o bassa fermentazione. In alternativa possono andare bene delle buone Stout molto abboccate. Io ho utilizzato una Moretti Rossa e una McCallum's, Rossa Doppio Malto la prima e Porter molto abboccata la seconda.

    Naturalmente si può fare una gelatina con qualunque birra, però se si usa una lager o una ale poco morbida o addirittura secca si rischia di trovarsi con una gelatina amarognola poco gradevole e difficile da abbinare.


    Una volta scelta la nostra birra occorre decidere quale addensante utilizzare.


    La scelta più naturale è quella della pectina estratta dalle mele verdi. Il suo potere addensante però a mio avviso è limitato, almeno io non mi sono trovata bene.
    Elenco quindi di seguito i procedimenti da seguire per quattro tipi di addensanti: ognuno scelga quello che preferisce.


    1) Con la pectina per marmellate

    Esistono al mondo dei palati fini in grado di individuare la presenza di Fruttapec o prodotti similari nelle marmellate, e la percezione è naturalmente notata con fastidio. Io non appartengo a questo novero: probabilmente ho un palato alquanto rustico, in ogni caso non ho mai percepito retrogusti strani nelle mie marmellate quando uso il Fruttapec e quindi non ho nessuna remora a usarlo anche per le gelatine di vino o di birra. Questo è il mio metodo preferito.

    Versare la birra, lo zucchero e il Fruttapec in un tegame dalle pareti alte (questo è molto importante, altrimenti la schiuma traboccherà) e portare a ebollizione. Abbassare la fiamma e proseguire la cottura finché il liquido non si sarà ridotto di circa 1/3. Le istruzioni sulla confezione parlano di soli 3 minuti di ebollizione, ma secondo me non sono nemmeno lontanamente sufficienti e l'unica volta che le ho seguite alla lettera mi sono trovata nei vasetti un liquido ambrato con un deposito bianchiccio (la pectina, per l'appunto) inquietante. Quindi lasciate perdere le istruzioni e proseguite la cottura per almeno un quarto d'ora, datemi retta. Versare nei vasetti, tappare e sterilizzare.


    2) Con la colla di pesce

    La colla di pesce è una scelta che non mi fa impazzire, innanzi tutto perché è a base di sostanze animali e questo mi impedisce di farne dono agli amici vegetariani e vegani. Ho comunque fatto una prova e funziona (per gli amici veg&veg: questa l'ho tenuta da parte per me!) ;-).

    Ammollare la colla di pesce in acqua fredda p

Domande:

Chiedo Aiuto... ieri sera mi sono cimentata nella preparazione di questa gelatina. Ho usato un litro e mezzo e birra Villacher rossa doppio malto, 600 g di zucchero e due bustine di frutapec 1:1. Ho seguito tutto alla lettere per la cottura, ma questa mattina era ancora liquida, Nessun segno di vago addensamento. Cosa posso fare? devo buttare tutto? è possibile recuperarla? L'ho assaggiata mentre la mettevo nei vasetti ed è BUONISSIMA mi dispiacerebbe buttarla... potete aiutarmi?? grazie, Silvia

Rispondere:

Ahia.... domanda: dopo aver aggiunto il fruttapec quanto tempo hai fatto bollire? Io consiglio di far ridurre il liquido di circa 1/3, perché le marmellate sono "aiutate" dalla polpa della frutta, mentre la birra è liquida. So che è una scocciatura, ma prova a rimettere tutto in pentola e a far bollire di nuovo, facendolo ridurre di almeno 1/3 (dovresti trovarti alla fine con circa 1 litro di liquido). Sicuramente NON BUTTARLA!!!! Fammi sapere. :-)

Ciao, scusa ho provato a fare la tua ricetta per la gelatina di birra. Ho seguito sia le quantità degli ingredienti sia la preparazione. Ho fatto però cuocere il tutto per 30 min invece che per 15 minuti perchè mi sembrava troppo liquido il composto. Poi l'ho meso nei vasetti e ho aspettato tutta la notte ma il composto è rimasto liquido. Non capisco...Puoi aiutarmi? Grazie, Roberta

Rispondere:

Quale metodo per addensare hai usato? Ne ho indicato più di uno e senza ulteriori dettagli non sono in grado di risponderti.

Ciao, si può avere la ricetta completa della marmellata alla birra, la parte che dice di usare la colla di pesce sul sito è interrotta.. Grazie

Rispondere:

Ciao, la ricetta si trova qui: http://www.applepiedimarypie.com/2010/12/le-strenne-di-natale-gelatina-di-birra.html Buon pomeriggio.






Vota questa ricetta:

Ricette simili

Ricetta Gelatina di mele & menta piperita
Gelatina di mele & menta piperita
10 porzioni
45 min
facile
Ricetta Gelatina di lamponi
Gelatina di lamponi
4 porzioni
37 min
facile
5 / 5
Ricetta Gelatina di aceto balsamico
Gelatina di aceto balsamico
8 porzioni
20 min
media
2 / 5
Ricetta Mini tatins di foie gras - ricetta francese
Mini tatins di foie gras - ricetta francese
4 porzioni
25 min
facile
4 / 5
Ricetta Focaccia al rosmarino - Ricetta facile
Focaccia al rosmarino - Ricetta facile
10 porzioni
2h20m
media
3.8 / 5

Ricette

Articoli correlati

Cucinare con la birra. Le ricette più sfiziose scelte per voi!Cucinare con la birra. Le ricette più sfiziose scelte per voi!

Menù del giorno

Ricevere il menù del giorno:

Domanda del giorno
Quale formaggio usi più spesso nelle tue ricette?
Vota